• img-book

    Amedeo Perilli

ISBN: 978-88-99590-1-85
Categoria:

Un po’ di sole

di Amedeo Perilli Il nuovo volumetto "Un po’ di sole"  continua la ricerca di Amedeo Purilli in quello che è il suo mondo, già esplorato nelle opere precedenti e qui riproposto con nuove variazioni tematiche. Ritorna lo sguardo sulla natura, colta in alcuni momenti di grande normalità ma attraversata comunque da un tasso elevato di nostalgia per la ricorrenza delle stagioni, il fluire dei giorni, lo spegnersi e il risorgere delle piccole cose. Sfondo di emozioni sul quale si costruisce con mille screpolature di comportamenti, con venature di fantasia, con irrinunciabili sfumature di speranza, con frammenti di malumore e di buonumore, il teatro degli uomini, caduchi eppure resistenti nelle loro traiettorie vitali. In obbedienza ad uno schema di lavoro già introdotto, alle descrizioni talvolta seguono considerazioni generali, nelle quali risuonano esperienze che invitano a condivisioni meditative. Un percorso che richiama il problema dei principi etici, spesso validi in astratto, assai meno in concreto.

5.00

Quantity:
Incontra l'autore
avatar-author
Amedeo Perilli è nato e vive a Marsicovetere (Pz). Dopo aver accumulato esperienze in Italia e all’estero fin dall’adolescenza, è stato docente e Preside incaricato nella scuola media superiore ed è attualmente impegnato, essendo padrone del suo tempo, in varie attività pratiche, naturalistiche e intellettuali. Carattere schivo e solitario, traduce in versi e in prosa i suoi pensieri sotterranei e le sue segrete ansie. Ha pubblicato nella prestigiosa Collana delle “Letture del Gufo” (ErreCi Edizioni) alcuni volumi di poesie di notevole successo (Il vento inatteso, 2014; Dove i licheni, 2014; Battenti stanchi, 2015; Il paese perduto, 2015; Le lande della poiana, 2016); Sapore di pane, Dibuono Edizioni, 2016.
Libri diAmedeo Perilli
Su Questo Libro
Riassunto

Il nuovo volumetto “Un po’ di sole”  continua la ricerca di Amedeo Purilli in quello che è il suo mondo, già esplorato nelle opere precedenti e qui riproposto con nuove variazioni tematiche. Ritorna lo sguardo sulla natura, colta in alcuni momenti di grande normalità ma attraversata comunque da un tasso elevato di nostalgia per la ricorrenza delle stagioni, il fluire dei giorni, lo spegnersi e il risorgere delle piccole cose. Sfondo di emozioni sul quale si costruisce con mille screpolature di comportamenti, con venature di fantasia, con irrinunciabili sfumature di speranza, con frammenti di malumore e di buonumore, il teatro degli uomini, caduchi eppure resistenti nelle loro traiettorie vitali. In obbedienza ad uno schema di lavoro già introdotto, alle descrizioni talvolta seguono considerazioni generali, nelle quali risuonano esperienze che invitano a condivisioni meditative. Un percorso che richiama il problema dei principi etici, spesso validi in astratto, assai meno in concreto.

“Un po’ di sole”

Non ci sono ancora recensioni