• img-book

    Giuseppe Massaro

Categoria:

Canti d’amore per i pronipoti di Otello

di Giuseppe Massaro

Partecipazione di U. Baglivo, R. Natale, G. Scotti

Orazio e la sua “mediocritas” assumono in questo paziente quanto prezioso lavoro letterario una particolare angolatura: il messaggio oraziano non è visto (come si è soliti vedere) dalla parte di Roma, della storia ufficiale che colloca i poeti augustei come cantori della “pax augustea” finalmente raggiunta, nella pienezza dei tempi, dopo le lotte politiche della precedente epoca repubblicana, ma dalla parte della terra d’origine: la Lucania.
Orazio e la sua “mediocritas” assumono in questo paziente quanto prezioso lavoro letterario di Giuseppe Massaro una particolare angolatura: il messaggio oraziano non è visto (come si è soliti vedere) dalla parte di Roma, della storia ufficiale che colloca i poeti augustei come cantori della “pax augustea” finalmente raggiunta, nella pienezza dei tempi, dopo le lotte politiche della precedente epoca repubblicana; ma dalla parte della terra d’origine: la Lucania. L’autore, senza scomodare nomi e procedimenti propri della Psicanalisi, recupera nella lingua concreta e nelle immagini vive dell’opera di Orazio il sostrato contadino, mai dimenticato dal poeta venusino nel suo lungo soggiorno romano.

18.00

Quantity:
Incontra l'autore
avatar-author
Giuseppe Massaro, Docente di Italiano e di Latino. Con la collaborazione di: Ugo Baglivo, Docente di Italiano e Latino /Preside; Rocco Natale, Sacerdote, docente, ricercatore-custode di immagini della civiltà contadina Lucana; Gianfranco Scotti, Dialettologo lecchese e lombardo, attore anche di teatro classico latino, figura di riferimento nelle manifestazioni culturali della città manzoniana.
Libri diGiuseppe Massaro
Su Questo Libro
Riassunto

Partecipazione di U. Baglivo, R. Natale, G. Scotti

Orazio e la sua “mediocritas” assumono in questo paziente quanto prezioso lavoro letterario una particolare angolatura: il messaggio oraziano non è visto (come si è soliti vedere) dalla parte di Roma, della storia ufficiale che colloca i poeti augustei come cantori della “pax augustea” finalmente raggiunta, nella pienezza dei tempi, dopo le lotte politiche della precedente epoca repubblicana, ma dalla parte della terra d’origine: la Lucania.


Orazio e la sua “mediocritas” assumono in questo paziente quanto prezioso lavoro letterario di Giuseppe Massaro una particolare angolatura: il messaggio oraziano non è visto (come si è soliti vedere) dalla parte di Roma, della storia ufficiale che colloca i poeti augustei come cantori della “pax augustea” finalmente raggiunta, nella pienezza dei tempi, dopo le lotte politiche della precedente epoca repubblicana; ma dalla parte della terra d’origine: la Lucania. L’autore, senza scomodare nomi e procedimenti propri della Psicanalisi, recupera nella lingua concreta e nelle immagini vive dell’opera di Orazio il sostrato contadino, mai dimenticato dal poeta venusino nel suo lungo soggiorno romano.

“Canti d’amore per i pronipoti di Otello”

Non ci sono ancora recensioni